ETD - precedenti edizioni

Alla quarta edizione hanno partecipato 12 ragazzi e ragazze divisi in tre appartamenti.Tre appartamenti, tre sfumature, tre modi di vivere ETD!

Piena autonomia in centro a Torino: ETD UK

Condividere & condividere (... in modo accessibile): ETD Social

ETD SocialCaring Community: ETD Savigliano

Terza edizione: 2013/2014

La terza edizione di ETD ha visto grandi cambiamenti! Accanto all’appartamento ormai “storico”, abbiamo avviato la collaborazione con Buena Vista Social Club e aperto il primo appartamento ETD completamente accessibile. La terza edizione ha poi visto l’apertura di ETD Savigliano, con nuove interessanti prospettive.

L’abbiamo presentata a tutti il 3 aprile, ma l’abbiamo vissuta intensamente ogni giorno! Tredici ragazzi e ragazze hanno partecipato con entusiasmo, arricchendo ETD con le loro vite e le loro idee. Grazie di cuore a Charlotte, Elisa, Duilio, Marco, Giorgia, Francesco, Dajana, Chiara, Cecilia, Katia, Monica, Alessandra e Sara che hanno reso viva ETD: ci mancherete!

“E dopo aspirapolveri nel forno, vetri lavati a metà in altezza (perché non ci arrivavo), barricate con i mobili e una casa ormai vuota si chiude tutto. Le esperienze servono sempre, ci fanno crescere, maturare, ragionare. Ci sono state volte in cui in questo anno ho potuto sentire chiaramente che qualcosa stava cambiando; in questa casa, in queste quattro mura, con questa gente fantastica. Non penso che potrò dimenticare ogni sorriso, risata, serata pazza. Nemmeno tutte le cose nuove che ho imparato e le gioie che ho provato. Ci sono state tante cose e persone in questo anno; alcune hanno deciso di rimanere, altre hanno scelto di farsi da parte. So solo che rimarrà un gran vuoto che, ovviamente, non vedo l’ora di colmare. Grazie di tutto. Grazie ETD” (coinquilina ETD 2013/2014)

Seconda edizione 2012/2013

Nella seconda edizione ETD ha visto diverse novità: abbiamo aggiunto un appartamento (trovato sul mercato privato grazie all’infaticabile lavoro estivo dello staff!), abbiamo sperimentato l’inserimento di una studentessa Sorda (grazie alla collaborazione con l’Istituto dei Sordi di Pianezza) e abbiamo iniziato la preziosa collaborazione con Lucia, la nostra psicologa.

I ragazzi si sono sperimentati in due convivenze, hanno vissuto il contatto quotidiano con la differenza: non solo la differenza di chi ha una disabilità ma le tante piccole differenze di stili, di abitudini, di modi di essere e di fare con cui ciascuno di noi ha e avrà a che fare nella quotidianità.

E’ così che ETD diventa anche scuola di cittadinanza: per imparare a stare insieme, a rispettarsi, ad essere aperti verso gli altri anche quando ci sembrano tanto diversi e lontani da noi.

Prima edizione 2011/2012

Il primo appartamento di ETD è partito a ottobre 2011. La casa, che fa ancora parte degli appartamenti disponibili, si trova in una zona centrale di Torino, servita da mezzi pubblici anche accessibili ed è composta da due camere, una cucina con salottino e il bagno.

Gli abitanti “pionieri” del primo appartamento erano una studentessa di scienze infermieristiche, uno studente di tecniche audiometriche ed una ragazza neolaureata con disabilità motoria.

“Vivendolo in prima persona mi rendo conto davvero di quanto questo progetto sia d’aiuto nel migliorare la qualità di vita, non solo di una persona disabile, ma di tutti i coinquilini che crescono e migliorano insieme, confrontandosi ed imparando gli uni dagli altri in modo più attivo e partecipato rispetto ad una normale convivenza tra “normodotati”. Per questo motivo ritengo importante ampliare questa esperienza ed esportarla, mi auguro che sia questo il futuro di EtD.”(coinquilina ETD)

I ragazzi sono entrati in pieno nello spirito del progetto e ne hanno compreso allo stesso tempo il valore per la loro crescita e la componente di “leggerezza”. Il clima nell’appartamento è molto familiare e i ragazzi si trovano a loro agio.

“La mia unica preoccupazione era quella di non trovarmi a mio agio con gli altri inquilini, siccome non abbiamo avuto occasione di conoscerci in modo un po’ più approfondito prima di iniziare questa esperienza. Fortunatamente mi sono ritrovata con due persone molto solari e non è stato difficile prendere confidenza.”(coinquilina)

“Oltre alle normali difficoltà nel trovare l’equilibrio tra persone diverse con abitudini diverse, sicuramente non è stato facile per me ambientarmi con persone che non conoscevo, un po’ per il mio carattere ed un po’ per la mia presenza meno assidua nella casa rispetto agli altri, a causa dei numerosi impegni e della necessità di tornare dalla mia famiglia nel fine settimana. Grazie all’accoglienza e alla disponibilità degli altri coinquilini, però, i miei problemi iniziali sono stati ampiamente superati.” (coinquilina)